Giardino

Tosaerba elettrico alimentato a rete o a batteria?

Come abbiamo già visto i tosaerba si dividono in due categorie in base al tipo di alimentazione che utilizzano. Troviamo i tosaerba alimentati a rete e i tosaerba a batteria.

Vediamo i pro e i contro di ciascun modello:

 

Tosaerba a rete

Pro

Questa tipologia di tosaerba sono forniti di un un cavo, solitamente di un’adeguata lunghezza da permettere il lavoro, che dev’essere attaccato alla corrente elettrica per poter funzionare. Un punto a suo favore è sicuramente la potenza; essendo appunto alimentato da corrente questo tosaerba non avrà problemi di batteria; non potrà mai succedervi di dover interrompere il vostro lavoro perché avete la batteria scarica, o comunque una prestazione ridotta a causa dell’utilizzo prolungato. Non sarà quindi necessario dover aspettare di caricare la batteria per poter utilizzare l’apparecchio che sarà pronto in qualsiasi momento preferiate.

 

Contro

Essendo presente il cavo di alimentazione sarete però vincolati nei movimenti; il cavo che viene fornito è normalmente abbondante, ma potrebbe comunque capitare di non riuscire a raggiungere parti del vostro prato più lontane, dovendo quindi appoggiarsi ad una prolunga.

Potrebbe inoltre essere un impiccio tal volta avere sempre in filo che vi segue, rischiando di annodarsi o incastrarsi da qualche parte.

 

Tosaerba a batteria

Pro

Uno dei vantaggi del tosaerba a batteria, è senza dubbio la libertà di movimenti che manca in un modello alimentato a cavo. Non sarà più un problema raggiungere i punti più distanti dalla presa di corrente, e sicuramente non rischierete di impigliarvi ogni volta che vi spostate.

Normalmente si tratta di modelli più piccoli, leggeri e facili da spostare.

L’accensione è molto facile e avviene attraverso la pressione di un pulsante.

Contro

Tra gli svantaggi invece abbiamo la conseguenza di dover attendere i tempi di ricarica oltre che di autonomia dell’apparecchio stesso. Prima di procedere bisogna quindi ricordarsi di controllare il livello della batteria, che dev’essere completamente carica.

Da verificare prima dell’acquisto, la superficie che il tosaerba selezionato riesce a coprire con una carica, in modo da non dover interrompere a metà il lavoro.

Risultano essere ancora dei dispositivi non proprio economici, da valutare anche il tempo di ricarica che può raggiungere anche le 16 h.

Leggi anche: Di quali materiali è composto un bollitore elettrico?